Come vestirsi bene: 6 regole che ogni uomo dovrebbe padroneggiare

Advertisements

Formale, casual, sportivo, urban, fashion… chiunque può vestirsi alla moda, basta seguire le tendenze del momento ed attenersi al buon gusto. Discorso a parte è avere stile, che richiede un importante processo di conoscenza di sé stessi, del proprio corpo e della propria indole. Entrambe le variabili camminano di pari passo perché è necessario capire quali siano i trend attuali e  gli stili di abbinamento azzeccati per ogni occasione. Vediamo come definire il proprio stile personale con le 6 regole fondamentali che ogni uomo dovrebbe padroneggiare per vestirsi bene.

Regola #1: sentirsi a proprio agio

Sentirsi a proprio agio, questa è la prima regola per essere sicuri di sé. Ogni uomo ha il proprio carattere e la propria personalità da esprimere secondo il proprio stile unico e personale. C’è chi è più determinato e che quindi punterà su un abbigliamento forte, deciso. Chi è più attento ai particolari e giocherà sulla cura degli accessori. Chi, ancora, vive fuori dagli schemi e opterà per uno stile eccentrico in grado di stupire chiunque.

Regola #2: la proporzione

Un altro aspetto fondamentale per vestirsi bene è considerare il rapporto tra le varie parti del corpo: basta un solo sguardo per capire se ci troviamo davanti a proporzioni corrette o inadeguate, i vestiti possono enfatizzare o meno alcune parti del corpo. L’obiettivo è raggiungere l’armonia, caratteristica che va oltre il concetto stesso di moda. Una camicia, ad esempio, deve avere la cucitura della spalla all’esterno della clavicola, manica e torace non devono stringere né abbondare, il polsino deve arrivare quasi all’inizio del pollice e tra il collo e il colletto devono passarci due dita senza che sia né troppo basso né troppo alto. Il pantalone non deve abbondare e la sua lunghezza deve terminare tra la parte alta del davanti e del retro della scarpa.

Regola #3: la scelta cromatica

La natura ci ha dato due strumenti incredibili, gli occhi, grazie ai quali vediamo colori e tonalità cromatiche. I colori dei vestiti si riflettono sulla pelle, sui capelli e sugli occhi stessi ed hanno il potere di influenzare l’umore, oltre che lo stile. Anche quando appartengono alla stessa gamma cromatica, una regola fondamentale per vestirsi bene è non indossare troppi colori. Ci sono poi dei classici che non vanno mai fuori moda come il marrone, il nero e il blu scuro ma ricordate sempre la prima regola, quella di sentirsi a proprio agio. Se un colore non vi trasmette buone sensazioni, allora evitatelo.

Regola #4: gli accessori

Sono i dettagli che fanno la differenza, soprattutto in un look. Gli accessori non sono un campo prettamente femminile, anche un uomo ha i suoi, a partire dalle scarpe. Avere almeno due o tre paia di scarpe aiuterà a vestirsi bene nelle più svariate occasioni, oltre al fatto che consentirà di avere un look fresco in ogni circostanza. Le sneakers sono fondamentali, soprattutto in occasioni casual e in ambienti lavorativi non troppo formali, l’importante è restare sul sobrio. A metà strada tra casual e formale, i polacchini sono la scelta vincente. Per l’eleganza puntiamo su qualcosa di non troppo squadrato, la moda va e viene quindi meglio qualcosa di versatile e rigorosamente nero. Qualunque sia lo stile adottato, è bene ricordare che cintura e scarpe devono avere lo stesso colore. In tema cappelli non dimentichiamo che non resteranno attaccati in eterno sulla testa, capiterà di toglierli di tanto in tanto per cui ricordiamoci di curare il capello. Infine, l’orologio: un tocco di luce in grado di valorizzare l’outfit.

Regola #5: la qualità

Poliestere ed elastan non fanno altro che emanare un odore sgradevole già dopo averli indossati un paio di volte. Meglio scegliere stoffe di buona qualità come cotone 100% e lana cashmere o merino. Stesso discorso per scarpe, cinture, giubbotti, pantaloni: una solida cucitura è sinonimo di durevolezza. Anche se le grandi marche garantiscono ottima qualità, non ci riferiamo qui al valore economico del vestito, bensì alla sua composizione: controlla sempre l’etichetta dei capi che stai acquistando, che siano firmati o meno.

Regola #6: l’occasione giusta

Ci sono capi che non possono assolutamente mancare nel guardaroba di un uomo! Il blazer, ovvero una giacca da abito con un taglio più sportivo, è perfetto per un look da ufficio dove il dress code è business casual. Per un look spezzato è possibile abbinare le giacche a dei pantaloni chino o ad un jeans dal lavaggio appropriato, con tanto di maglione nei mesi più freddi. Joggers e cinque tasche, invece, meglio abbinarli alle felpe per occasioni più sportive. Se pensate che le camicie appartengano alla sfera dell’eleganza, vi sbagliate: le cosiddette button down, o colletto alla coreana, sono perfette per contesti informali tanto quanto una camicia di jeans. Non possono mancare le polo, rigorosamente a maniche corte. E delle sobrie t-shirt che, indossate singolarmente o con cardigan aperti e camicie sbottonate, permettono di sfoggiare un outfit assolutamente cool.

Loading...