Il trionfo di Parasite agli Oscar

Advertisements

Dal momento in cui abbiamo sentito che Parasite è stato nominato, siamo stati sia euforici che scettici a priori. Eravamo tutti abbastanza sicuri che avrebbe ottenuto il premio al Miglior film straniero e ben poche speranze per i restanti riconoscimenti. Dopotutto, i film stranieri non hanno mai ricevuto l’Oscar “Miglior film” prima d’ora, fino ad oggi. Gli Oscar 2020 sono diventati l’evento più straordinario nella storia del cinema. Parasite, film sudcoreano sul conflitto di classe, ha letteralmente fatto la storia agli Academy Awards di quest’anno vincendo non soltanto il premio per il Miglior film straniero, accaparrandosi anche altri tre Oscar per Miglior regia, Miglior film e Miglior sceneggiatura originale – tutti meritatissimi. Questa è la prima volta nella storia degli Academy Awards che un film in lingua straniera riceve tali meriti nelle categorie più alte.

Tempo prima, ai BAFTA, il regista Bong Joon-ho ha detto: “Una volta superata la barriera alta un pollice, quella dei sottotitoli, avrai accesso a tanti altri film incredibili.” In molti l’hanno presa come una provocazione agli Oscar e come il pregiudizio generale che affrontano i film in lingua straniera nel mondo, dominato dai film in lingua inglese. Bong non si aspettava un simile successo per Parasite.

Al momento del ritiro dell’Oscar per Miglior regia, Bong Joon-ho ha detto:

“Dopo aver vinto il Miglior film internazionale immaginavo di aver concluso lì la giornata ed ero pronto a rilassarmi. Grazie mille, quando ero giovane e studiavo cinema c’era questa frase che ho inciso nelle profondità del mio cuore ovvero ‘la più personale è la più creativa’ – una citazione di Martin Scorsese”. Bong Joon-ho ha affermato che ricevere la nomination era il più grande onore che potesse avere, senza mai pensare che avrebbe effettivamente vinto. Ha anche ringraziato Quentin Tarantino per aver sempre messo i film di Bong sulla sua lista, anche quando il pubblico americano non lo conosceva. Ha ringraziato tutti e ha detto che berrà fino al mattino seguente per festeggiare.

Quando Parasite ha vinto il Miglior film, Bong ha lasciato che fossero i produttori del film Kwak Sin-ae e Miky Lee a prendere il microfono. Kwak ha detto che era senza parole e che sentiva come se quel momento fosse propizio per la storia. Ha espresso il suo più profondo rispetto e gratitudine a tutti i membri dell’Academy per aver preso questa decisione. 

Il discorso di ringraziamento si è dilungato un po’ a lungo, i microfoni sono stati staccati e le luci spente ma tutti tra il pubblico hanno iniziato a protestare per far finire il loro discorso.

Più tardi, quando Bong Joon-ho è sceso dal palco e gli è stato chiesto come si sentiva ad aver fatto la storia ha detto “Sì, è storia, ma non l’ho mai voluto. Abbiamo solo fatto un film, come sempre. È successo. L’intervistatore ha poi aggiunto: “Hai solo fatto un film ma è diventato un movimento”. Al quale Bong ha ribattuto con “Oh, la pensi così? Davvero? Grazie. Il mondo non cambierà dal giorno alla notte grazie a questo ma spero che possa dare una piccola scintilla.”

Si potrebbe dire che tutta la squadra dietro il film Parasite non si aspettava tutto questo successo ma erano tutti incredibilmente orgogliosi e felici. Cosa ci dice questa vittoria? Beh, che fortunatamente il mondo sta cambiando e che possiamo aspettarci cose ancora più grandi, in futuro, dagli Oscar.




Loading...